Advertisement

Vernice lavabile, pennello, carta vetrata, cera e un pizzico di fantasia. Ecco gli ingredienti per decapare i nostri oggetti di legno, ottenendo risultati eleganti, in perfetto stile shabby chic. Si tratta di una soluzione semplice, perfetta per tutti i gusti e tutte le tasche. Di solito lo stile shabby chic viene declinato soprattutto nelle tonalità di colore più chiare, ma è possibile anche scegliere delle sfumature più scure. Avete scelto i colori? Cominciamo subito.

Se il legno del nostro mobile è un po’ disomogeneo, otterremo risultati ancora migliori. Scheggiature e macchie contribuiranno a dare al tutto un aspetto più rétro. Il segreto per decapare bene un mobile sta nel modo di stendere il colore. La vernice lavabile non va assolutamente diluita, perché non deve espandersi per tutta la superficie del mobile. Meglio lasciare il pennello quasi completamente asciutto, ed alternare posa di colore verticale ed orizzontale, in modo che in alcuni punti il colore sia più intenso che in altri.

Se poi si sceglie una combinazione di due colori, c’è un altro dettaglio al quale prestare attenzione. Infatti, la seconda mano di vernice deve risultare più sgranata della prima. Può essere una buona idea partire controverso, in modo da far aderire di meno la pittura. Nelle zone in cui la prima mano di vernice è meno omogenea, si può caricare un po’ di più la seconda mano di vernice.

A questo punto, il lavoro è quasi finito. Mancano gli ultimi tocchi di raffinatezza shabby. Prendiamo la nostra carta vetrata e passiamo alla carteggiatura. Così i colori si amalgameranno, e l’effetto sarà ancora più vissuto. La granatura della carta vetrata dipende dall’effetto che si vuole ottenere. Per proteggere il tutto, ci vuole una passata di cera. Se poi si vuole rendere il tutto ancora più antico, si possono alternare cera chiara e cera bituminosa. Questo tipo di cera più scura accelera lo scorrere del tempo, e il nostro mobile apparirà ancora più segnato dal tempo.

Loading...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here