Advertisement

Creare una parete in legno divisoria potrebbe essere una valida alternativa per te che ami nella tua casa spazi aperti, ma estremamente funzionali e fruibili. Poco importa se hai deciso di arredarla in stile shabby, in quello provenzale, in quello country chic… Questo tipo di soluzione architettonica si sposa perfettamente con ogni tipo di arredo e di complemento di arredo. Certamente se se ti avvicini ad uno degli stili sopra citati, l’arte del recupero e del riciclo creativo è assolutamente perfetta.

A questo punto già sappiamo a cosa stai pensando, cosa posso riutilizzare e cosa mi posso inventare per rendere alcuni angoli della mia casa davvero suggestivi? Potresti trasformare a nuova vita dei semplici pallet, delle vecchie porte, oppure un’infinità di assi di legno grezze. Se invece volessi qualcosa di più elaborato, allora potresti optare per pannelli di legno traforati, oppure per pannelli di legno trattato o anche per romantici separè, ma solo se vuoi dividere, ma non troppo.

Realizza per la tua casa una parete in legno divisoria e comincia dall’ingresso

Le idee per le pareti divisorie non mancano. Tutto dipende da cosa vuoi creare e da quali ambienti della casa vuoi trasformare. Nel caso in cui volessi rendere più suggestivo il tuo ingresso e avessi spazio a disposizione, allora sarebbe perfetto recuperare creativamente delle vecchie porte di legno. Ma prima di fissarle fra loro e poi alla parete devi trattarle. Scartavetrale, se fossero state precedentemente verniciate, trattale poi con un prodotto antitarlo ed infine dipingile. Se l’ambiente fosse total white, l’effetto decapè sarebbe perfetto.

Se invece volessi dare un tocco esotico, ma sempre in chiave shabby, provenzale, country… allora potresti usare come parete in legno divisoria dei meravigliosi rami lunghi e grezzi. Come mostrato nella foto numero 2. Nel caso non dovessi trovarli facilmente nei negozi specializzati, come Leroy Merlin, allora ingegnati con internet. Di sicuro troverai ciò che ti occorre. Ovviamente tieni in considerazione non solo l’altezza, ma anche la lunghezza dell’ambiente. Non è un dettaglio da sottovalutare, perché potresti non trovarti.

Per la parete divisoria cucina soggiorno puoi pensare non solo ai bancali, ma anche ad una finta parete in legno e vetro. Come mostrato chiaramente nella foto numero 4. Invece di erigere tramezzi, è preferibile optare per questo tipo di scelta, sopratutto se l’ambiente è molto luminoso e non ha porte che separano i vari ambienti della casa. Così facendo dividerai con armonia e buon senso gli spazi più suggestivi della tua casa. Senza aver bisogno di architetti o di designer d’interni. Basti tu.

Sarebbe perfetta una parete divisoria traforata anche in camera da letto

E possibilmente bianca, come mostrato nell’immagine numero 5. In questo caso però non è necessario arrivare con la parete divisoria fino al soffitto, basta arrivare ad un’altezza di due metri. Inoltre potresti utilizzarla anche per nascondere o velare la zona abiti, accessori e biancheria. Invece di ricorrere alla cabina armadio, perché proprio non c’è spazio, una soluzione del genere potrebbe fare al caso tuo. Ma allora, visto che ami l’originalità e lo stile shabby, scopri anche quali sono le 15 cose che non devono mai mancare in una perfetta camera shabby chic. Ti sorprenderanno!

Loading...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here